La frittata è fatta!

La frittata è un piatto allegro, colorato e ricco di sapore. Vediamo insieme come preparare la “frittata perfetta” e scopriamo 2 gustosissime ricette

di Roberta D’Ancona, giornalista e food blogger.

Per saperne di più: robertadancona@hotmail.com / http://incucinaconroberta.blogspot.it/

La frittata, un piatto antico

Spesso sulle nostre tavole le frittate compaiono come antipasto o secondo piatto, sia freddo che caldo, con gli ingredienti più disparati, e ci accompagnano fin dalla fanciullezza; infatti la frittata è forse tra le preparazioni più antiche e diffuse.

Il termine deriva dal latino ‘frixura’ (fritto). Si tratta di una vivanda fatta con uova sbattute e fritte in forma schiacciata, in una padella tonda, con vari ingredienti aggiunti durante o al termine della cottura.

L’ingrediente di base per la preparazione delle frittate sono le uova, alle quali si aggiungono poi, a seconda dei gusti: formaggio, prosciutto, verdure, ecc.

Frittate - Ricette e Curiosità sul come cucinarla
Frittate – Ricette e Curiosità sul come cucinarla

Frittate italiane

In Italia abbiamo l’abitudine di prepararle nei modi più disparati.

La FRITTATA ROGNOSA, tipica piemontese, si realizza ad es. con una base di uova sbattute alle quali si aggiungono del formaggio, erbe aromatiche, salame cotto sbriciolato e soffritto.

In Toscana, la FRITTATA CON GLI ZOCCOLI, è un piatto della tradizione contadina, nato dalla necessità di recuperare gli avanzi ed è arricchita con cubetti di pancetta o altri salumi avanzati.

In Campania, la frittata si arricchisce con L’AGGIUNTA DELLA PASTA, i maccheroni, spesso avanzati dal pranzo o dalla cena, preparata in bianco o con il pomodoro.

Frittate - Ricette e Curiosità sul come cucinarla
Frittate – Ricette e Curiosità sul come cucinarla

La tecnica giusta

Al di là degli ingredienti con cui si sceglie di preparare la frittata, è importante imparare la tecnica di base per realizzarla.

  • Intanto per la RICETTA DI BASE si considerano due uova a persona.
  • LE UOVA devono essere a temperatura ambiente e vanno sbattute senza montarle troppo.
  • Se si vuole rendere la frittata PIÙ SOFFICE E UMIDA, si può aggiungere poco latte.
  • PER LA COTTURA, si scalda una padella antiaderente, si mette un filo d’olio o del burro chiarificato, si versa il composto fino ad arrivare a uno SPESSORE che va dai 3 ai 4cm. Con uno spessore più alto le frittate non si cuocerebbero perfettamente, si brucerebbero sotto senza coagulare neanche un poco sopra. La cottura si continua a fuoco vivo rimuovendo la frittata di tanto in tanto per strappare un poco il composto. Dopo 4min È BENE RIGIRARLA, aiutandosi con un coperchio o un piatto da portata. Si lascia cuocere ancora pochi min. e si spegne.

ATTENZIONE!

La frittata più cuoce e più indurisce ed annerisce a causa della trasformazione delle proteine.

La cottura in forno

C’è chi preferisce optare per la cottura in forno, la quale ha sicuramente dei vantaggi: non bisogna girare la frittata e la stessa si mantiene più morbida e leggera rispetto alla cottura in padella.

In questo caso, basta scaldare il forno a 180°C, foderare una teglia con carta forno bagnata e strizzata, mettere la frittata in forno e cuocerla in base alla grandezza da un minimo di 20 ad un massimo di 40min.

Una volta pronta, la frittata può essere servita da sola, dentro al pane, oppure tagliata in piccoli cubetti come antipasto.

frittata ricette curiosita
1

Frittata di acciughe

Ricetta di: Roberta D'Ancona

Info Ricetta

Per 4 persone Preparazione: 5 min Cottura: 10 min Difficoltà: Facile

Ingredienti:

  • 5 uova, 2 cucchiai di pecorino
  • Prezzemolo fresco
  • 5-6 filetti di acciughe sotto sale
  • Uno spicchio d’aglio
  • Latte
  • Sale.

Procedimento:

  1. Lavorate le uova con un goccio di latte.
  2. Sbattetele poco, aggiungete il pecorino, le acciughe tagliate a pezzetti e il prezzemolo tritato.
  3. In una padella versate un filo d’olio e fate rosolare lo spicchio d’aglio intero.
  4. Toglietelo e versate il composto di uova.
  5. Lasciate cuocere pochi minuti per lato e servite.
2

Frittatine alla cantonese

Ricetta di: Roberta D'Ancona

Info Ricetta

Per 4 persone Preparazione: 30 min Cottura: 15 min Difficoltà: Media

Ingredienti:

  • 250g riso Basmati
  • 7 uova
  • 4 cipollotti
  • 100g prosciutto cotto in una sola fetta
  • 125g gamberetti lessati e sgusciati
  • 70g piselli
  • Salsa di soia
  • Olio extravergine d’oliva
  • Sale

Procedimento:

  1. Lavate bene il riso sotto l’acqua fredda corrente, mettetelo in una casseruola e copritelo a filo d’acqua. 
  2. Fate cuocere il riso per 10-12min, mettendo sulla casseruola un coperchio e facendo in modo che negli ultimi minuti di cottura venga assorbita tutta l’acqua.
  3. Scaldate due cucchiai d’olio in un tegame, unitevi i cipollotti affettati finemente, il prosciutto cotto a dadini, i gamberetti ed i piselli.
  4. Cuocete a fuoco vivace per qualche minuto, aggiungete il riso bollito e ben sgranato con una forchetta. Mescolate bene e continuate la cottura a fuoco vivace per qualche istante.
  5. Sbattete le uova con un pizzico di sale, aggiungetevi il riso e mescolate bene.
  6. Fate scaldare una padella con poco olio e versatevi il composto di riso e uova.
  7. Potete optare per la realizzazione di una frittata unica (in questo caso vi servirà una padella del diametro di 10cm) o potete realizzare delle simpatiche frittatine singole avvalendovi di una padella di piccole dimensioni, come ho fatto io.
  8. Fate rapprendere il composto qualche istante a fuoco vivace, quindi proseguite la cottura a fuoco moderato per 5min scuotendo spesso la padella.
  9. Girate le frittatine aiutandovi con un coperchio o un piatto e proseguite la cottura ancora per 3min.
  10. Servite le frittatine fredde o tiepide, accompagnandole con della salsa piccante o della salsa di soia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Pubblicato su Nutrizione